mercoledì 31 dicembre 2014

Epifania: 5 viaggi per 5 presepi

Natale è passato, il 2015 è in arrivo e, come si sa, "l'Epifania tutte le feste si porta via".
Noi di Romantico Weekend ci vogliamo anticipare per darvi qualche suggerimento su come trascorrere l'ultimo ponte di queste vacanze natalizie, per chiuderle in bellezza prima dei lunghi mesi lavorativi che ci aspettano.

Da nord a sud, lo stivale brulica di presepi suggestivi che meritano una visita e sono un ottimo spunto per partire.


Fonte: cinqueterre.a-turist.com 
Iniziamo col segnalarvi il presepe luminoso più grande del mondo: si trova sulla collina di Manarola, nelle Cinque Terre ed è davvero suggestivo, con centinaia di figure che si illuminano lasciando senza fiato gli osservatori.






Fonte: direttanews.it
Restando in ambito marittimo, a Jesolo potrete ammirare un meraviglioso presepe di sabbia nell'ambito di "Sand Nativity", manifestazione dedicata a questo tipo di sculture. Alloggiando a Venezia il 6 gennaio potrete assistere alla tradizionale regata con protagonisti Befane e Babbi Natale, gondolieri di certo inusuali!





Fonte: unonitize.it
Chia, frazione di Soriano nel Cimmino, in provincia di Viterbo, viene allestito un presepe vivente molto realistico, con l'aggiunta di musiche, rumori e profumi. Anche il palato sarà soddisfatto grazie alla possibilità di degustare prodotti locali come formaggi e ricotta, frittelle accompagnate da vin brulè e cioccolata calda.






Fonte: cattolica.info
La Rocca di Gradara, provincia di Pesaro e Urbino, si trasformerà nel Castello di Natale per la rappresentazione dell’arrivo dei Re Magi e presepe rinascimentale a partire dal 4 gennaio.






Fonte: campaniaoggi.it
A Morcone, Benevento, il presepe dura invece diversi giorni, infatti dai primi giorni dell'anno inizierete a vedere in giro personaggi in costume secondo gli antichi mestieri. Riapriranno le vecchie botteghe, per poi riunirsi, con la sola luce delle fiaccole, attorno alla grotta della Natività.




DOVE DORMIRE
Cinque Terre: www.vernazzarooms.com
Venezia: www.hotelalpiave.com/it/
Viterbo: www.hotelvillasofia.com/
Gradara: www.villagori.it/
Morcone: www.belvederesulsannio.it/

Tra una fetta di panettone e una pennica, se ti è piaciuto l'articolo e ti ha dato la giusta ispirazione per organizzare il tuo weekend romantico condividilo sui social, per noi è importante! 

Buon Anno da tutti noi di Romantico Weekend! 







Continua a leggere

giovedì 25 dicembre 2014

Camera con Pista, per il più romantico Buon Natale!


Per festeggiare il primo Natale insieme ai voi romantici lettori abbiamo pensato ad uno speciale "camera con pista" nei rifugi di alta montagna più belli!

Tra una sciata e l’altra, una passeggiata e una ciaspolata potrete rifocillarvi davanti al calore di una stube, di un ardente camino, farvi una sauna, immergervi in una hot tab il tutto in pieno relax e ammirando le imbiancate vette delle nostre bellissime Alpi…

In alcuni di questi rifugi vi sentirete proprio tre metri sopra il cielo e, quando cadrà la notte, potrete vivere la vera bellezza della montagna avvolta nel suo silenzio immenso ed illuminata dalla luna e dalle stelle. Godrete di albe e tramonti indimenticabili sul tetto del mondo.

Qui trovate qualche spunto per la vostra camera con pista...

1. Il Rifugio Lagazuoi, sulla vetta sul Monte Lagazuoi sopra il Passo Falzarego,  tra Cortina d'Ampezzo e Val Badia


 

2. Lo Chalet BeThere a Pila, tra le montagne valdostane



3. Il Rifugio Capanna Cervino al Passo Rolle, direttamente sulle piste da sci

 
 
4. L'Alpina Dolomites Lodge, moderno 5* sull'Alpe di Siusi


 
 
 5. L'Hotel La Mirandola, Passo del Tonale direttamente sulle piste da sci



6. Il Rifugio Graffer al Grostè, direttamente sulle piste da sci



7. Lo Chalet Il Capricorno, tra le piste delle Alpi Cozie, in Alta Val di Susa



8. Il Rifugio Belvedere Champoluc, direttamente sulle piste da sci




09.  Il Rifugio Orso Bruno, Dolomiti del Brenta




10. L'Hotel Lupo Bianco sulle piste di Canazei




Se ti è piaciuto l'articolo e ti ha dato la giusta ispirazione per organizzare il tuo weekend romantico condividilo sui social, per noi è importante!
Buon Natale da tutti noi di Romantico Weekend!



Per approfondimenti:

http://www.rifugiolagazuoi.com/

http://www.chaletbethere.com/

http://www.capannacervino.it/

http://www.alpinadolomites.it/it/

http://www.lamirandolahotel.it/it/hotel-tonale/

http://www.graffer.com/

http://www.chaletilcapricorno.it/

http://www.rifugiobelvedere.net/

http://www.rifugioorsobruno.it/

http://www.hotellupobianco.it/


Continua a leggere

mercoledì 17 dicembre 2014

Perugia





"Forse farò un favore al lettore dicendogli come dovrà trascorrere una settimana a Perugia. La sua prima cura sarà di non aver fretta, di camminare dappertutto molto lentamente e senza meta e di osservare tutto quello che i suoi occhi incontreranno"
(Henry James, Transatlantic Sketches, 1875)




Sarà che dell’Umbria è davvero difficile non innamorarsi, sarà che il gusto del Bello è qualcosa che appartiene ad ogni italiano, sarà la buona cucina, il fervore culturale e l’energia che ne deriva e che semplicemente “si sente”, sarà che siamo golosi ed adoriamo il cioccolato…ma Perugia ci piace talmente tanto che ci potremmo trasferire!!! Non avendo però ancora ultimato i preparativi del trasloco, ci dedichiamo a darvi qualche informazione, curiosità, consiglio per aiutarvi a trascorrere il vostro weekend romantico in questa splendida città che non potrete non amare.


Città d'arte, ricca di storia e monumenti, cuore pulsante della verde Umbria, Perugia era tra le città candidate a Capitale Europea della Cultura per il 2019. La sua antica Università, il suo patrimonio storico ed artistico, la sua attenzione alla Cultura, nel senso più largo e variegato del termine, e l’organizzazione di eventi di fama internazionale come Umbria Jazz, che qui si svolge ogni anno dal 1973 nel mese di Luglio, o  Eurochocolate, che quest’anno ad ottobre festeggia la sua ventesima edizione, la rendono una candidata ideale a questo ambito riconoscimento. 

Perugia è infatti una città antica, fiera della sua storia e del suo passato che custodisce e valorizza esibendolo con orgoglio, ma estremamente vivace e per così dire, orientata al futuro, in un mix di tradizione e modernità davvero irresistibile.
Seguite pertanto il consiglio di Henry James e camminate piano scoprendo a poco a poco le meraviglie che il centro storico vi riserva.



Interno della Rocca Paolina

Essendo posizionato su una acropoli nel punto più alto della città e chiuso al traffico vi consigliamo di lasciare l’auto in uno dei parcheggi sottostanti, ad esempio quello in Piazza dei Partigiani. Da qui potrete prendere la scala mobile che, gratuitamente e senza sforzo, vi condurrà attraverso le viscere dell’antica Rocca Paolina, simbolo del potere che il papato esercitava su questo territorio ma oggi meno imponente rispetto alla dimensione originaria dell’edificio, fino in Piazza Italia, cuore della città medievale e punto di partenza privilegiato per iniziare la vostra visita. 
Da questa piazza potrete iniziare a camminare ed a gustare a poco a poco questa città, fatta di reticoli di vie strette e tortuose, dove le case si addossano tra loro o si uniscono tramite archi, palazzi antichi ricoperti di bugnature e piazze salotto. Giocando a scoprire scorci, giardini, palazzi e teatri sarà bello allontanarsi a tratti dalla rotta più turistica per poi riprenderla per immergersi nuovamente nella sua atmosfera.
Su Piazza Italia si affacciano edifici degni di nota, come l’Hotel La Rosetta ricavato in un palazzo dell’Ottocento che costituisce un’elegante e raffinata possibilità per la vostra notte romantica, il Palazzo della Provincia e, dietro di esso, il giardino-belvedere Carducci dalla cui terrazza si gode di uno splendido panorama sulla città e sulla Valle Umbra fino allo specchio del Lago Trasimeno.


Proseguendo verso Piazza della Repubblica, su cui si affacciano Palazzo Baldeschi, sede di importanti mostre d’arte, e il Teatro del Pavone, raggiungerete poi Corso Vannucci, arteria pulsante e via commerciale del centro storico, dove ad ogni ora del giorno sarete coinvolti nel rito perugino dello struscio. Una sosta praticamente obbligatoria è quella presso la storica Pasticceria Sandri, la più antica di Perugia, aperta nel 1860 da una famiglia svizzera. Qui potrete lasciarvi incantare dall’eleganza dei suoi sontuosi arredi ottocenteschi e dalle specialità che potrete gustare, dai tradizionali dolci umbri ai deliziosi cioccolatini. Se invece quella che cercate è una sosta golosa ma “non solo dolce” potete imboccare la vicina via Mazzini e fermarvi al Caffè di Perugia che ospita nei suoi quattro piani, oltre alla pasticceria, una enoteca ed un ristorante.


Piazza IV Novembre 

 

Alla fine di Corso Vannucci raggiungerete la magnifica Piazza IV Novembre, cuore simbolo e salotto della città e luogo molto amato dai perugini. Attorno e dentro a questa piazza dall’aspetto misurato ed elegante sono concentrati i monumenti ed i palazzi più rinomati e ricchi di storia di tutta la città, come la splendida Fontana Maggiore, capolavoro di arte ed ingegneria idraulica. La struttura, costituita da tre vasche sovrapposte in marmo e bronzo e decorate con bassorilievi che raffigurano episodi esemplari della storia della città, è infatti stata eretta come parte terminale dell’acquedotto, che dalle sorgenti di Monte Pacciano convogliava le acque sino al centro della città. 

Provenendo da via Vannucci raggiungerete la piazza fiancheggiando l’imponente Palazzo dei Priori che, con le sue severe forme gotiche, le sue facciate asimmetriche ed adorne di bifore, rappresenta una tra le migliori espressioni architettoniche della civiltà medievale italiana. L’edificio era la sede delle funzioni amministrative e giudiziarie della città e oggi ospita il Comune e la Galleria Nazionale dell’Umbria. Il lato che si affaccia su Piazza IV Novembre, è preceduto da una scalinata che conduce al grande portale sormontato dalle copie bronzee delle statue del Grifo, simbolo di Perugia, e del Leone Guelfo (gli originali sono conservati all’interno del palazzo). Dalla scalinata si accede alla Sala dei Notari, con i suoi archi  a tutto sesto e le ricchissime decorazioni di cui è adorna.


Il Palazzo dei Priori

Dal lato opposto di via Vannucci rispetto al Palazzo dei Priori si accede al Collegio della Mercanzia, che nel 1390 fu concesso dal Comune di Perugia alla Corporazione dei Mercanti, ed al Collegio del Cambio, che fu appunto la sede dei cambiavalute.
Un ulteriore gioiello che adorna Piazza IV Novembre è il Duomo. Intitolato a San Lorenzo fu edificato tra il 1437 ed il 1487 sul sito di una precedente basilica. L’austera facciata principale, incompiuta, è rivolta verso Piazza Danti, è rivestita in pietra rosa locale, e spicca per il massiccio portale in travertino. Su piazza IV Novembre si affacciano invece gli archi della Loggia di Braccio Fortebracci del 1423 ed il portale gotico. Sulla destra del portale si trova il quattrocentesco pulpito da cui predicò San Bernardino e, sulla sinistra, la statua bronzea di papa Giulio III. All’interno della cattedrale, costituita da tre navate di stampo gotico, nella prima arcata della navata di sinistra, viene custodito nella Cappella del santo Anello, l’anello nuziale della Madonna.




Quello che vi abbiamo proposto è il percorso turistico più classico e chiaramente andrebbe esteso ed approfondito per conoscere in pieno l’anima di Perugia ed i grandi tesori che custodisce. Un modo per completare questa visita potrebbe essere quello di partire dalle porte principali che ne delimitano il perimetro. La città di Perugia ha infatti una doppia cinta muraria, una etrusca, la più interna, ed una, più esterna, medievale, che si snodano lungo le pendici del colle su cui sorge la città antica. Effettuare un ingresso da una di queste porte, benché più impegnativo da un punto di vista fisico, sarà un modo per ammirare “da dentro” i cinque antichi rioni che costituiscono il centro storico di questa città e riconoscerne le particolarità.
Potreste quindi partire da Porta Eburnea, o Arco della Mandorla, di fondazione etrusca,in piazza Mariotti, da Porta Santa Susanna o di Sant’Andrea, di epoca tardo medievale, in via della Sposa, da Porta del Sole, di epoca etrusca, nota come Arco dei Gigli e citata anche da Dante nel Paradiso, in via Bontempi, da Porta San Pietro o Romana, rifatta nella sua parte esterna nel 1475, in Corso Cavour, oppure da Porta Sant’Angelo, in Corso Garibaldi, la più grande delle porte medievali di Perugia, rifatta nel XIII secolo per volere di Braccio Fortebracci, per poi raggiungere nuovamente Piazza IV Novembre.


Arco Etrusco

Cari amici, fino ad ora vi abbiamo fatto camminare parecchio, ma non saremmo Romantico Weekend se non vi suggerissimo anche un luogo dove potervi fermare per guardarvi romanticamente negli occhi, magari davanti ad un ottimo vino e ad una cena prelibata. 

Le nostre proposte, rigorosamente testate per voi, si trovano nel centro storico della città in modo che possiate comodamente raggiungerli a piedi e sono il Civico25, in via della Viola, che, all’interno di un ambiente giovane e informale oltre alle meraviglie della cucina tipica umbra offre una vasta e ottima selezione di etichette di vini. La nostra seconda proposta è il ristorante Nadir, aperto solo la sera, che offre le eccellenze del territorio attraverso un’attenta selezione dei produttori, rigorosamente locali, per una cucina etica, gustosa, a chilometro zero. In entrambe i casi vi consigliamo di prenotare in anticipo perché i locali che vi abbiamo consigliato sono entrambe rinomati e molto frequentati anche dai perugini stessi.


Link utili a questo articolo:
Umbria jazz Festival
Eurochocolate
Hotel La Rosetta
Pasticceria Sandri
Caffè di Perugia
Ristorante Civico25
Ristorante Nadir


Se quanto ti abbiamo raccontato ti è piaciuto e ti è stato utile, o ti ha semplicemente fatto venire voglia di trascorrere qualche giorno alla scoperta di Perugia, condividi il nostro articolo attraverso i social, per noi è importante. 

Se sei interessato a scoprire l'Umbria e i suoi tesori potrebbe interessarti anche il nostro articolo sul Lago Trasimeno 
Se invece sei curioso di conoscere meglio la città che sarà Capitale Europea della Cultura nel 2019 vieni con noi alla scoperta di Matera


Continua a leggere

venerdì 12 dicembre 2014

Smith & Wesson di Alessandro Baricco

E’ il 1902 e Rachel Green è una giovane giornalista alla ricerca di un’impresa memorabile da raccontare. Pronta a tutto per raggiungere il suo obbiettivo, è disposta a vivere con Tom Smith e Jerry Wesson una folle salto attraverso le  Cascate del Niagara dentro una botte. Quello che non vi abbiamo detto è che Tom e Jerry non sono i protagonisti di un famoso cartone animato, ma piuttosto due truffatori che passano le loro giornate a recuperare corpi dal fiume e cimentandosi con strane invenzioni.


Un viaggio tra immaginazione e avventura, vissuto attraverso gli occhi della nostra intraprendente Rachel Green. E chissà se, alla fine, sarà proprio lei a raccontarci questa strana impresa o no? Scopritelo leggendo questo avvincente libro di Alessandro Baricco. 

Qui il link per acquistare il libro online … buona lettura!
Continua a leggere

giovedì 11 dicembre 2014

Vorremmo portarvi sul treno dei desideri!


Siamo cresciuti fin da piccoli con in testa il trenino dei desideri… diciamo che per chi ama viaggiare il trenino dei desideri è rosso, attraversa posti romantici come in una fiaba e si chiama Trenino Rosso del Bernina.

Non ci credete? Le foto forse non parlano da sole? 


Quest’inverno vedrete splendide montagne, vallate imbiancate e letteralmente panorami mozzafiato.


Per il vostro romantico weekend, o solo per un giorno, oppure per passare un Natale e Capodanno diversi dal solito regalatevi questo fiabesco viaggio!

Alzatevi presto, l’esperienza ne vale veramente la pena, fatevi uno zaino di manicaretti magari con speck e formaggi di montagna per restare in tema, copritevi bene, pendete il bus che parte da vari punti della Lombardia e una volta arrivati a Tirano salite sul treno dei desideri direzione Saint Moritz. 

 

In questo periodo di feste esiste anche un itinerario che vi porterà tra i mercatini di Natale di Livigno.

Dimenticavo. 
Nello zaino portatevi la macchina fotografica o la videocamera perché ne avrete assolutamente bisogno, non crederete ai vostri occhi e vorrete immortalare ogni secondo di questo viaggio sul trenino dei desideri che nei miei pensieri tra le montagne va

Per prenotare e altre informazioni:

Continua a leggere

giovedì 4 dicembre 2014

Speciale Ponte dell’Immacolata 2014

I consigli di Romantico Weekend per passare tre giorni tra neve, mercatini, città europee, o più semplicemente rilassarsi alle terme.

CAPITALI EUROPEE – PARIGI: Parigi è da sempre la città più romantica al mondo, dopo la nostra amata Venezia naturalmente! Concedetevi quindi un romantico weekend nella Ville Lumiere, passeggiando tra le strade di Montè Matre, sorseggiando un ottimo Vin Brulée tra i mercatini che invadono la città sotto Natale. Concedetevi una visita sulla Tour Eifel per un panorama mozzafiato al tramonto, specialmente ora che il pavimento de primo piano della famosa torre è interamente in vetro. Il nostro consiglio: non perdetevi il Marché de Noel de la Defènse, per noi il mercatino più affascinante di tutta Parigi.


LOCALITA’ SCIISTICHE – CORTINA D’AMPEZZO: Negozi aperti fino a tardi, sfilate, e tanti happening tra una sciata e l’altra, il tutto condito dalla cornice delle montagne innevate. Questa è la Fashion Week di una delle più glamour e affascinanti località sciistiche delle Dolomiti: Cortina! Scegliete questa perla del veneto per tre giorni di divertimento interamente ispirati alla “magia bianca”. Dai 140 km di piste da sci fino a Corso Italia, tanti eventi popolano la cittadina rendendo ancora più speciale questo angolo di paradiso dello sci. Cosa non perdersi: il RendezVous con le stelle” per ammirare romanticamente il firmamento in due e, perché no, farsi dare qualche dritta sul futuro insieme.

TERME – PRES SAINT DIDIER: Se aspettate il ponte per scappare dal caos cittadino, staccare dalla routine quotidiana e regalarvi un po’ di realx in coppia, allora scegliete le Terme di Près, come vengono familiarmente chiamate. Lasciatevi coccolare dalle mani sapienti del personale, tra saune, bagni turchi e aree relax nelle due strutture ai piedi del Monte Bianco.  Oppure rilassatevi nel parco acquatico termale all’aperto, tra le montagne innevate e il cielo terso. Non perdetevi: la piscina cromoterapica in pietra con musicoterapia, assaporando il profumo di legno di cedro che inebria l’aria di queste terme 10 e lode! 

FESTA DELLE LUCI - LIONE: Lione si tinge di luci e colori rendendo ogni angolo della città magico e sorprendete. Rivivete la tradizione che dal 1643 porta i lionesi, ma anche molti artisti, registi e designer a giocano con il loro senso artistico per illuminare strade e palazzi per uno spettacolo da lasciare senza fiato. Il consiglio: non perdetevi la vista dall’alto della città, dalla Basilica Notre-Dame de Fourvièr che domina Lione, fuori dal trambusto delle vie più trafficate, per un viaggio in funivia senza uguali!

MERCATINI DI NATALE - L’ALTO ADIGE: Se siete invece amanti dei mercatini di Natale, l'Alto Adige è il posto che fa per voi.  Da Merano a Bolzano, da Brunico a Vipiteno, quattro modi diversi di vivere l’atmosfera natalizia e gustare le specialità locali. Assaporate il gusto degli zelten ai canditi, tra casette colorate e il profumo di cannella, ammirate i tanti artigiani che nei diversi laboratori del Sud Tirol vi spiegheranno come confezionare bigliettini, palline dipinte a mano e molto altro. Il nostro preferito? Il Chriskindlmarket di Bolzano, ha una marcia in più! Se volete un consiglio, visitate i mercatini verso sera, quando musiche e canti natalizi risuonano per le strade e le mille luci delle casette in legno si illuminano.

DOVE DORMIRE

PONTE DELL'IMMACOLATA A PARIGI Hotel le Bellechasse
PONTE DELL'IMMACOLATA SULLA NEVE A CORTINA D’AMPEZZO Hotel Panda
PONTE DELL'IMMACOLATA ALLE TERME DI PRES SAINT DIDIER QC Terme Spa & Resort
PONTE DELL'IMMACOLATA ALLA FESTA DELLE LUCI DI LIONE Novotel Lion Confluence
PONTE DELL'IMMACOLATA AI MERCATINI DI NATALE Parkhotel Laurin
Continua a leggere

martedì 2 dicembre 2014

"Un indovino mi disse" di Tiziano Terzani

Non so voi, ma noi amiamo la letteratura di Terzani e “Un indovino mi disse” è uno degli esempi più brillanti della sua scrittura. Un libro di viaggio che dal 1995 ha fatto storia raccontando l’anno in cui lo scrittore decise di abbandonare aerei ed elicotteri per viaggiare solo in nave, o via terra. Avete capito bene, un anno interno senza volare. Semplice direte! Beh, non proprio se pensate che Terzani era uno dei più famosi corrispondenti per “Der Spiegel”, il più venduto settimanale tedesco.

Nata un po’ per gioco, un po’ per una profezia di un indovino cinese, questa sfida personale porta Terzani a riscoprire il piacere del viaggio, a guardare il mondo con altri occhi. Un cammino attraverso l’Asia vera, quella fatta di persone comuni, di grandi contrasti tra paesi più legati alle antiche tradizioni e stati in forte sviluppo. Un autobiografia ricca di aneddoti, leggende e indovini che vi terrà con il fiato sospeso fino alla ultima pagina.

Ecco il link per acquistare il libro on-line, buona lettura!
Continua a leggere

martedì 25 novembre 2014

Dieci idee per il vostro weekend romantico (+bonus track)

Se state cercando delle idee per un weekend romantico siete capitati nel blog giusto! Ecco a voi il "Best of " di Romantico Weekend, versione invernale.
D'altronde, arriva un momento in cui anche i più accaniti viaggiatori del weekend devono prendersi una pausa e anche noi poveri blogger abbiamo diritto a un pò di riposo. E mica possiamo stare qui sempre a scrivere per voi che neanche ci pagate! Ma, dato che non ci piace stare con le mani in mano, ne abbiamo approffittato per fare un minimo di riflessione sulle località di cui abbiamo parlato in questi mesi, su quelle che più ci sono piaciute, dove ci piacerebbe tornare e quelle che ci sembra abbiano catturato di più l'attenzione dei nostri lettori (almeno secondo le statistiche di Google Analytics!).

Abbiamo litigato lungamente tra di noi e alla fine abbiamo partorito una selezione delle nostre località preferite per organizzare un weekend romantico, ovviamente in Italia (e dove altrimenti!).

Roma
Raccomandato a chi cerca storia, cultura e la Capitale
Il numero uno dei fine settimana romantici resta, secondo noi, la capitale! Vi raccontiamo i 10 top luoghi romantici da non perdere, dal Giardino degli Aranci al Gianicolo, dal ponte degli Innamorati, al Buco della serratura. Leggi I 10 luoghi più romantici di Roma
 
Bellagio - Lago di Como
Raccomandato a chi cerca George (ma non ditelo al fidanzato) 
Il lago di Como è il più amato dagli americani, ma anche noi italiani non dispiace affatto e non c’è da stupirsi che sia stato la culla di grandi storie d’amore, come quella tra la contessa Bice Melzi e lppolito Nievo, o la celebre fuga amorosa di Franz Liszt, tanto famosa che anora oggi si usa dire che nulla porti più fortuna a un matrimonio quanto trascorrere una luna di miele a Bellagio! Scopri di più Bellagio, per un weekend romantico sul lago più amato dagli americani.
 

Matera - Basilicata
Raccomandato a chi cerca i Sassi (ma non è un geologo bensì un inguaribile romantico)
Ci spostiamo al Sud per raccontarvi di Matera, una delle città più antiche al mondo dove potrete perdervi (e ritrovarvi, speriamo!) tra i vicoli, le piazze, i "vicinati", le grotte scavate nel tufo.Vi raccontiamo tutto in Matera, per perdersi, ritrovarsi e amarsi tra i Sassi 


Orvieto - Umbria
Raccomandato a chi cerca arte e buon cibo
Se passate dalle parti dell'Umbria non potete perdervi Orvieto! La città è ricca di storia e capolavori architettonici come il Duomo e la capella di San Brizio ma potrete godere anche di un romantico e rilassante paesaggio circostante. Inoltre è vivace ma non caotica, ricca di ristoranti e locali da provare e non perdete la città sotteranea! Leggi Scopriamo Orvieto, perfetta per un weekend romantico tra storia, arte e gusto. 


Bormio - Lombardia
Raccomandato agli sportivi (ma con relax!)
E' partita la stagione sciistica e non poteva mancare una bella località montana. Bormio, in Valtellina, è perfetta per passare una giornata sulle piste e rilassarsi nel pomeriggio nelle sue splendide terme e la sera cenando in una bella baita! Le Terme di Bormio, per un weekend di relax tra storia e natura

Venezia
Raccomandato a chi cerca una città unica al mondo ma non si accontenta di Piazza San Marco
Una delle città romantiche per antonomasia, non a caso ha dato i natali al buon Casanova! Ma noi di Romantico Weekend non possiamo accontentarci dell'ovvio e quindi vi consigliamo una Venezia diversa, lontana dai soliti giri turistici e, proprio per questo, da non perdere! Un Romantico weekend a Venezia     


Il borgo di Orta e l'isola di San Giulio - Lombardia
Raccomandato a chi ama la natura e i borghi romantici
Per gli amanti dei borghi romantici immersi nella natura è assolutamente imperdibile. All’estremità di un promontorio che da oriente si protende verso le placide acque del Lago Orta, sorge il comune di Orta San Giulio, uno dei broghi più belli d'Italia Il borgo di Orta e l’ isola di San Giulio: quando la natura diventa romantica



Rocca Calascio - Abruzzo
Raccomandato a chi ama i luoghi incantati (e Michelle Pfeifer...)
Famoso in tutto il mondo per essere stato scelto come ambientazione del film Lady Hawke, è un luogo suggestivo che evoca storie di cavalieri erranti, maghi e amori contrastati! Rocca Calascio: sul massiccio del Gran Sasso, nella fortezza di Lady Hawke


Gradara
Raccomandato a chi ama Dante!
Un borgo medievale da non perdere dove potrete ripercorrere la storia di Paolo e Francesca sulle orme di Dante e soprattutto passeggiare sul panoramico sentiero degli innamorati! Un weekend a Gradara, nel castello di Paolo e Francesca

Verona
Raccomandato a chi ama Shakespeare!
La vera città degli innamorati non può mancare nel nostro blog! Ma Verona non è solo la città di Romeo e Giulietta ma è soprattutto una cittadina con un bel centro storico, ampie piazze, buona cucina e ottimo spritz! Verona, la città degli innamorati

Bonus Track
Perchè dieci non bastavano!
Dieci idee per un week end romantico non sono abbastanza per dei veri romantici blogger ed ecco quindi una bella bonus track. Se siete già entrati nello spirito natalizio (nel senso consumistico), potreste scoprire che Milano non è solo la città giusta per lo shopping ma, come cantano i Baustelle una città per romantici! Milano, angoli di Poesia (lontano dallo shopping). E infine non può mancare, per gli amanti dell'arte, qualche spunto per andare a Firenze e magari godervi il paesaggio al tramonto da Piazzale Michelangelo Amore tra le vie di Firenze...

Se ti è piaciuto questo articolo e ti ha dato la giusta ispirazione per scegliere dove organizzare il tuo weekend romantico, condividilo sui social, per noi è importante!

Continua a leggere

giovedì 13 novembre 2014

Il Monferrato: terra di castelli, colline e ottimo vino

Alzi la mano chi conosce bene il Monferrato! Io personalmente conoscevo solo Casale Monferrato per via della squadra di basket per lunghi anni in serie A e ad oggi nella seconda serie nazionale... Tutto ciò potrebbe sembrare ben poco romantico (e ancor meno interessante...) e invece il Monferrato è stato davvero una piacevole sorpresa. Posizionata in Piemonte tra Casale e Alessandria, è una terra di bellissimi panorami collinari, castelli, vigneti e prodotti tipici. Sicuramente meno nota delle vicinissime Langhe ma, proprio per questo, da scoprire, soprattutto con i colori e la luce d'autunno ma anche in una bella giornata d'inverno.
Il Monferrato può essere una meta ideale per un weekend romantico in Italia da trascorrere visitando bellissimi castelli, passeggiando tra i vigneti e nella natura, dormendo in un bel agriturismo e gustando i piatti tipici della zona.


Credito fotografico

Cosa Vedere nel Monferrato


Il Parco Naturale del Sacro Monte di Crea
Una gita sicuramente da non perdere è quella al parco naturale del Sacro Monte di Crea: un'escursione molto semplice su una delle colline più alte del Monferrato. Si tratta di un luogo sacro, frequentato da molti pellegrini che visitano il santuario e le varie cappelle posizionate lungo il percorso. Se non siete particolarmente interessati al lato religioso, vi godrete comunque una passeggiata romantica lungo il sentiero che sale in mezzo al bosco di frassini e querce.
Il sentiero che sale sul monte Crea è perfetto per una romantica passeggiata
Credito fotografico
 
I castelli del Monferrato
Il paesaggio del Monferrato ha due caratteristiche che lo rendono subito riconoscibile e ci hanno immediatamente affascinato: le colline coltivate a vigneti dall'andamento dolce e i castelli che spuntano sulle loro sommità. E infatti il Basso Monferrato può vantare uno dei castelli più belli d'Italia, quello di Camino famoso per i suoi saloni affrescati, gli antichi cortili e il magnifico parco.

Casale Monferrato
E' la città più grande del Monferrato, da non perdere le sue chiese, in particolare il Duomo e la magnifica veduta sul Po.

Moncalvo
Celebre per il suo Palio degli asini è anche famoso per i tenti eventi enogastronomici, tra cui da non perdere quelli dedicati al tartufo.

Gli itinerari del Monferrato
Il Monferrato potrà dare soddisfazione anche ai più sportivi tra voi, sono tanti infatti i possibili itinerari di varia difficoltà che permettono di immergervi nella natura. . Per i più avventurosi non c'è che l'imbarazzo della scelta e potete dare un'occhiata al sito del parco di Crea dove troverete itinerari da fare a piedi, in bicicletta o a cavallo. Ma anche i più pigri possono stare tranquilli, non bisogna faticare troppo per fare delle belle passeggiate in mezzo ai vigneti e godere dei colori autunnali delle vigne e dei boschi della zona

Una passegiata tra i vigneti sulle colline del Monferrato
Credito fotografico

Le strade del Vino in Monferrato
I filari dei vigneti non hanno solo il ruolo di rendere caratteristico il paesaggio ma producono anche degli ottimi vini. Inevitabile dedicare un pò di tempo durante il vostro soggiorno a un itinerario del vino. Vi consigliamo di fare una sosta alla Tenuta Tenaglia, dove potreste incontrare la simpaticissima proprietaria Sabine, nata in Germania, ma da tanti anni in Italia. Superato il primo impatto di sentirvi raccontare di Barbera e Grignolino con accento tedesco, non potrete che gustarvi i buonissimi vini prodotti in questa antica tenuta e decidere di acquistarne qualche bottiglia da portare a casa.
casa 3
Una vista di Tenuta Tenaglia
Credito fotografico

Dove mangiare e dormire
Noi abbiamo pranzato a Cascina Zenevrea, un bel agriturismo a Ponzano Monferrato. Ottimi tagliolini al tartufo, un ricco antipasto di salumi, carne cruda al tartufo e altre cose che non ricordo! Sicuramente consigliato, è inoltre possibile dormire in belle stanze caratteristiche e acquistare prodotti tipici.
Un'alternativa potrebbe essere il Ristorante Boccadoro nelle vicinanze.

Il consiglio di Romantico Weekend
Durante il nostro weekend ci è capitato di incontrare Carla, del laboratorio di dolci t.asti. Oltre a preparare dolci e biscotti incredibilmente buoni che vi consigliamo di provare, Carla e il suo laboartorio fanno parte di un circuito che permette di assaporare i prodotti della zona preparati in modo genuino seguendo (e rinnovando) la tradizione. Si potranno assaggiare i vini di Enrico Druetto e di Fato Vini, le conserve di Via Maestra, dormire nel romantico B&B La Dolce Vite (dotato anche di una SPA) e ovviamente provare i dolci di t.asti.
Visto l'entusiasmo e la passione con cui Carla parla della sua terra, siamo sicuri che l'itinerario di cui fa parte la sua attività non vi deluderà! Trovate tutte le informazioni sul sito Monferritici.

La piccola ma rilassante Spa del B&B La Dolce Vite
 Credito fotografico

Se ti è piaciuto questo articolo e ti ha dato la giusta ispirazione per organizzare il tuo weekend romantico condividilo sui social, per noi è importante!

Ti potrebbero interessare anche Il borgo di Orta e l’ isola di San Giulio: quando la natura diventa romantica! oppure San Gimignano piccolo gioiello della Toscana


Continua a leggere

sabato 8 novembre 2014

"Novecento" di Alessandro Baricco



"Il Virginian era un piroscafo. Negli anni tra le due guerre faceva la spola tra Europa e America, con il suo carico di miliardari, di emigranti e di gente qualsiasi. 
Dicono che sul Virginian si esibisse ogni sera un pianista straordinario, dalla tecnica strabiliante, capace di suonare una musica mai sentita prima, meravigliosa. 
Dicono che la sua storia fosse pazzesca, che fosse nato su quella nave e che da lì non fosse mai sceso. Dicono che nessuno spaesse il perchè."

A vent'anni dalla sua pubblicazione, questo testo di Alessandro Baricco continua ad essere una lettura da portare sempre con sè, da leggere, rileggere, ascoltare e meditare.
La storia di questa nave, il Virginian, e dei suoi viaggi tra l' Europa e l' America, con le speranze e i sogni che, insieme ai suoi passeggeri, da essa salgono e scendono continuamente. E la storia, leggenda, mito, realtà unica, di Danny Boodmann T.D.Lemon Novecento, "Il più grande"
Lui che su questa nave è stato "trovato", accolto, amato, cresciuto. Lui che da questa nave non è mai sceso. Lui che ha visto tutto il mondo attraverso i racconti delle persone che, proprio su questa nave, ha incontrato. Lui che, su questa nave, Viveva, Suonava. 

"Non esisteva quella roba, prima che la suonasse lui, okay?, non c'era da nessuna parte. E quando lui si alzava dal piano, non c'era più...e non c'era più per sempre..".

Se non lo avete letto, vi consigliamo davvero di farlo, anche se avrete probabilmente visto ed apprezzato "La leggenda del pianista sull'Oceano", splendido film di Giuseppe Tornatore con la colonna sonora di Ennio Morricone, tratto proprio da questo testo.
Ma il nostro consiglio è quello di non perdervi nemmeno il libro. Perchè c'è poesia e musica in ogni singola parola, in ogni frase, in ogni personaggio, a partire proprio dal suo protagonista. Ci sono emozioni che non riuscirete a non provare, suoni che non potrete fare a meno di sentire, sorrisi che non potrete trattenere. E, come noi, ve ne innamorerete

Continua a leggere

lunedì 3 novembre 2014

In giro per borghi liguri

Abbiamo fatto un giro tra alcuni dei borghi più belli della Liguria di ponente, scoprendo il Principato di Seborga, Dolceacqua e Pigna.

Seborga è un piccolo comune situato sulle colline della Liguria di Ponente al confine con la Francia: nell'entroterra, tra Ospedaletti e Bordighera. Seborga si dichiara, ancora oggi, principato indipendente: ha il suo re, le sue leggi e batte perfino moneta. Per lo stato italiano, ovviamente, tale principato non esiste e non è riconosciuto, eppure girando per le viuzze del paese si respira ancora l'atmosfera del passato e si incontrano le guardie della polizia municipale dotate di pittoresche uniformi . Grazie alla sua posizione, sempre esposta al sole e con le montagne che la proteggono dai venti freddi provenienti dal nord, Seborga gode di un clima temperato con estati fresche e inverni miti. Il borgo offre, inoltre, una gastronomia molto ricca da gustare nei suoi accoglienti ed apprezzati ristoranti. L’olio d’oliva è la principale risorsa agricola della zona: sono presenti laboratori artigianali a Seborga o nei dintorni, dove le macine trasformano le olive migliori in buonissimo olio extra-vergine.


Dolceacqua è borgo medievale del ponente ligure caratterizzato da un ponte a schiena d'asino e dal Castello Doria', l’ottocentesco quartiere Borgo si arrocca per l’appunto attorno al castello che si raggiunge fra pittoresche viuzze che pulsano di cantine vinarie, negozietti e tipiche botteghe artigianali.
La fama del paese è legata anche alla produzione del “Rossese di Dolceacqua”, un vino rosso rubino a denominazione d’origine controllata dal sapore morbido, aromatico e dolce. Un altro prodotto locale di eccellente qualità è l’olio extra vergine di oliva, molto ricercato. Se volete fare incetta di prodotti liguri andate nel negozio di Ivo Tornatore (via P. Martiri 54) e fatevi una “premiata” pizza ligure a La Rampa prendendo la pizza al pesto! 
 


Nel borgo di Pigna il tempo e vita si muovono al ritmo delle stagioni. Nonostante il mare sia a due passi siamo già in montagna: lo testimoniano il volo maestoso degli uccelli, l'impervietà delle alture, gli stupendi panorami, gli odori e i profumi della terra. Pigna si presenta come una cascata di antiche case riunite "a pigna", attraversate da stretti "chibi" ovvero ripidi viottoli scuri. A fondo valle, in località Lago Pigo troverete la stazione termale e l’albergo Grand Hotel Pigna dove sgorga la sorgente d'acqua solfurea per la crenoterapia e per la cura della pelle. Insomma montagna, mare e terme tutto insieme.

Approfondimenti:

Principato di Seborga

La Rampa

Le Terme di Pigna
Continua a leggere

Come nasce questo blog!

Romantico Weekend nasce a luglio 2014 come progetto editoriale social di cinque professionisti iscritti al Master in Marketing e Comunicazione Digitale de Il Sole 24 Ore . Claudia Gallini, Edoardo Bellio, Luca Busetto, Maneula Spoto e Valentina De Giorgi sono le firme di questo blog dedicato a tutti coloro che amano viaggiare e conoscere le bellezze dell’Italia in chiave romantica.