venerdì 22 agosto 2014

Il borgo di Orta e l’ isola di San Giulio: quando la natura diventa romantica!

Il borgo di Orta e l’ isola di San Giulio: quando la natura diventa romantica!


Incastonato come una piccola gemma preziosa, custodito tra boschi antichi e circondato dalle montagne, ecco il Lago d’Orta, romantico gioiello racchiuso in una incantevole cornice naturalistica. All’estremità di un promontorio che da oriente si protende verso le placide acque di questo lago, sorge il comune di Orta San Giulio, parte del circuito dei Borghi più belli d'Italia ed insignito della Bandiera Arancione del Touring Club Italiano, uno dei palcoscenici ideali da cui ammirare questo incantevole specchio d’acqua.


Il centro storico di Orta, completamente chiuso al traffico, è un intersecarsi di viuzze caratteristiche, strette e tortuose, che si snodano tra le tipiche case con i tetti in ardesia e tra cui è piacevole passeggiare per scoprire palazzi antichi e scorci caratteristici.
Vero e proprio salotto a cielo aperto nonché cuore pulsante del borgo è la sua piazza centrale, affacciata direttamente sulle rive del lago e oggi dedicata al partigiano Mario Motta. Qui, da centinaia di anni, si svolge il mercato, qui vengono proposti concerti e altre manifestazioni ed eventi culturali, da qui partono le barche che collegano il borgo alla vicina, splendida, isola di San Giulio, con il suo monastero e il bellissimo campanile. Consigliamo assolutamente di visitarla, raggiungendola in barca per “via diretta” o semplicemente approdandovi dopo un rilassante giro del lago, e resterete colpiti dalla sacralità e dal fascino di questo luogo!


Dalla piazza Motta, circondata per i restanti tre lati da palazzi signorili, è ben visibile la facciata affrescata del vicino Broletto o Palazzo del Comune, costituito da un portico al piano terra, anticamente usato per il mercato, e una sala per riunioni al primo piano raggiungibile da una scala esterna.
Proprio di fronte al Broletto, inizia una ampia strada in salita pavimentata in sassi che viene chiamata “Motta” da cui si raggiunge la Chiesa parrocchiale, con la sua elegante scalinata. Da qui poi la passeggiata continua verso il Sacro Monte d'Orta, che Nietzsche definì uno dei luoghi “più suggestivi del mondo” e inserito dall’Unesco tra i luoghi Patrimonio dell’Umanità. Dedicato interamente a San Francesco d’Assisi, è un percorso di 20 cappelle che raccolgono statue in cotto raffiguranti la vita del santo, e si snoda in un tratto di Riserva Naturale tra boschi di pini, faggi, tigli per culminare con la Chiesa di San Nicolao.


Sono molti e vari gli eventi che si svolgono nel borgo di Orta e che daranno “quel tocco in più” al vostro weekend romantico.
In aggiunta alle tante mostre di arte e fotografia, che potrete ammirare in ogni periodo dell’anno semplicemente passeggiando tra i vicoli del borgo o sbirciando nei giardini delle ville e nelle piccole gallerie d’arte, potrete anche assistere a rinomati concerti di musica classica, come quelli in programma per l’Orta Festival che si svolge nel mese di Luglio e che abbina alle melodie dei più noti compositori, location di grande suggestione come la Basilica di San Giulio o la Chiesa di Santa Maria Assunta.  
Per una notte davvero magica e insolita vi consigliamo di non perdere lo spettacolo offerto dalla rassegna di fuochi d'artificio Fiori di Fuoco, che per tutta l’estate fa tappa nelle più belle località del Lago Maggiore per concludersi a fine Agosto proprio sul Lago d’Orta.
Per scoprire ed apprezzare ogni angolo di questo splendido specchio d'acqua, potrete scegliere uno degli itinerari turistici e naturalistici che partono proprio da Orta e che permettono a chiunque e con qualunque livello di preparazione fisica di venire in contatto con i borghi e le bellezze che questo luogo custodisce. Ci sono, ad esempio, sentieri attrezzati da percorrere a piedi o in mountain bike per apprezzare e godere pienamente il patrimonio naturalistico che questo piccolo romantico gioiello conserva, nascosto tra le montagne. Ai più pigri consigliamo invece di prendere la barca o la macchina e concedersi una breve visita agli altri comuni che si affacciano sul lago: passeggiate per le viuzze di questi borghi antichi e gustatevi il panorama del Lago e di Orta da una prospettiva differente e altrettanto piacevole.
Un ulteriore consiglio? Salite al Santuario della Madonna del Sasso, ben visibile anche dalla piazza di Orta e suggestivo per la sua posizione sopraelevata, su uno sperone di roccia granitica che staccandosi dalla montagna si erge a picco sul lago. Il panorama che si può godere dalla piazza antistante il Santuario, detta “il balcone del Cusio” è realmente magnifico: il lago sottostante con il campanile del monastero sulla piccola isola di San Giulio, i boschi che lo circondano e lo riempiono di riflessi color smeraldo, il Mottarone e poi il Monte Rosa e le Alpi, con le loro vette innevate.


Per completare in grande stile il vostro weekend romantico ecco alcuni consigli su dove mangiare e dove dormire.
Se vi volete viziare con un trattamento realmente principesco potete scegliere di cenare e trascorrere la notte nel sontuoso Luxory Hotel VillaCrespi, una fiabesca villa in stile moresco appena fuori dal borgo di Orta, dove vivere da protagonisti magiche atmosfere da Le Mille e una notte e gustare le prelibatezze “stellate” preparate dal rinomato Chef Patron Antonino Cannavacciuolo, che personalmente cura e gestisce il Ristorante.
Un’alternativa meno sontuosa ma comunque ricca di fascino è rappresentata dall’ Hotel Aracoeli , situato proprio sulla piazza Motta ad Orta. L’ambiente qui è informale ma curato e la posizione centralissima nonché la sua vicinanza al lago lo rendono un romantico approdo dopo la giornata di visita.
Nel borgo di Orta e nei paesi attorno al lago sono poi davvero tantissime le trattorie ed i ristoranti in cui trascorrere una tranquilla cena, degustando i piatti della cucina tradizionale piemontese e locale, immersi nella dolce atmosfera delle placide acque del lago.

Come arrivare:
In automobile: per chi percorre l’Autostrada A26 (Genova Voltri - Gravellona Toce) le uscite sono Gravellona Toce (per poi dirigersi verso Omegna e seguire le indicazioni per il Lago d’Orta) o Borgomanero (e seguire per Borgomanero e poi per il lago d’Orta). Per chi percorre l’Autostrada A8/A26 (Milano Laghi – Gravellona Toce) l’uscita è quella di Arona per poi seguire in direzione Borgomanero e poi per il Lago d’Orta.
Per chi viaggia in treno è comoda la stazione ferroviaria di Orta-Miasino, sulla tratta Domodossola-Borgomanero-Novara.

L’aeroporto più vicino è quello di Milano Malpensa da cui dista 42 Km circa. Da qui partono collegamenti in autobus fino a Gravellona Toce dove poi prendere il treno verso Orta-Miasino. Il tempo totale per questo trasferimento è di circa 2 ore. E’ anche possibile prenotare in anticipo taxi personali o di gruppo. 
Condividi!

Come nasce questo blog!

Romantico Weekend nasce a luglio 2014 come progetto editoriale social di cinque professionisti iscritti al Master in Marketing e Comunicazione Digitale de Il Sole 24 Ore . Claudia Gallini, Edoardo Bellio, Luca Busetto, Maneula Spoto e Valentina De Giorgi sono le firme di questo blog dedicato a tutti coloro che amano viaggiare e conoscere le bellezze dell’Italia in chiave romantica.